lunedì 22 luglio 2013

Sono nuovi scleri mentali!

Sì, il titolo è una frase di "Detto, fatto" di Gemitaiz e Madman.
Bene i miei scleri oggi riguardano Whatsapp. E' il modo più subdolo per far sclerare (sì, l'ho detto di nuovo) una persona.
Cioè tu scrivi un messaggio, vedi che è arrivato, vedi che è stato visualizzato e poi c'è sempre qualche figlio di puttana che decide di ignorarti. Cosa? Claudia hai delle manie di egocentrismo? Sì, più o meno ma questo cosa c'entra?! A chi è che piace essere ignorato?!
Cccristo, lo dice sempre mia madre, quel genio: "il miglior disprezzo è la noncuranza."
Ma vaffanculo voi e la noncuranza.
Va bene dai, torno in me. Altri scleri mentali? Allora, un libro fornitomi dalle due rubacuori (meglio conosciute come mamma et sorella), chiamasi "Falli soffrire, agli uomini piacciono le stronze", sono stata obbligata a leggerlo e sinceramente non so se rimarrò della mia idea (leggere post precedente). In pratica il tal libro, che comunque non ho finito, ciò vuol dire che vi aggiornerò prossimamente sul suddetto, sostiene varie teorie:
1. La donna si deve comportare come se fosse un "dono del cielo" (cito testualmente), deve far sì che l'uomo pensi di essere davvero fortunato a trovarsi in quel momento con lei = TIRARSELA
2. Non darla mai via come se non ci fosse un  domani, ma far aspettare il dovuto tempo in modo che lui se la "guadagni"= FARE LA FIGA DI LEGNO
3. Ogni tanto dare qualche soddisfazione all'uomo del tipo "Amore, sei il migliore a..." anche se poi magari fa cagare il cazzo in quella determinata cosa = OPERAZIONE FACCIAMOLO SCEMO
4. La donna prende tutte le decisioni, ma fa credere all'uomo che sia stato lui ad averle prese così lui non si sente meno virile = OPERAZIONE SALVIAMO LA FACCIA ALLO SCEMO
Per ora sono arrivata fin qui e il libro mi fa un po' ridere perché tratta gli uomini come amebe senza cervello, il che per la maggior parte delle volte è vero (scusate, messieurs) ma mi sembra un po' ingiusto generalizzare, forse è fin troppo femminista, lol.
Però ora come ora devo essere sincera con voi. Da quello che ho testato stasera sembra funzionare, sigh (per voi poveri maschietti), spero che qualcuno mi faccia ricredere perché vorrei un ragazzo intelligente che non cade in questi giochetti da manuale.
Ok, ora non vorrei cominciare con il mio solito piangermi addosso della serie "non ho un ragazzo e la cosa è davvero triste", il punto è che io chiedo troppo.
Chiedo troppo perché vorrei un bel ragazzo, dal mio fantastico punto di vista soggettivo dovrebbe più o meno assomigliare a un fattone (escludiamo le droghe pesanti), con tanto di birra e spinello al seguito, però allo stesso tempo dovrebbe essere intelligente e capace di affrontare più o meno tutti i discorsi senza sembrare che abbia una paralisi al cervello. Fisicamente non ho degli standard definiti, mi sono piaciuti ragazzi di ogni tipo: biondi, mori, rossi, africani, russi, orientali, alti, bassi, fisicati, smilzi, occhi azzurri, mori, verdi. La bellezza è dovunque. Certo devi essere un tipo. Non una copia di mille altri, sennò sarebbe troppo facile. Non mi piacciono le pecore che bazzicano nel gregge, questo è sicuro.
Ecco, penso che sia questo il problema. Che ci sono troppe fotocopie e vedere gente che si "distingue" ormai è difficile; metto distingue tra virgolette perché non intendo chi fa l'alternativo tossico che ormai è diventata un'altra massa, un altro gregge. Intendo uno che pensa con la sua testa, che fa quello che gli pare non quello che dice la moda o gli altri. Che se ne fotte del giudizio degli altri, ad esempio. Ecco sì, è questo che mi piacerebbe più di tutti. UNO CHE PENSA CON LA SUA TESTA.
Ok, direi di aver finito con gli scleri della serata, probabilmente ce ne saranno di nuovi in settimana, quindi rimanete aggiornati! ;)
Krish

Nessun commento:

Posta un commento