mercoledì 17 luglio 2013

Infinitamente sola.

Eccomi qua di ritorno. Proprio il momento giusto, ho bisogno di un diario dove liberare i pensieri.
Ecco come mi sento al momento: infinitamente sola.
Una delle tante cose che odio sono i film d'amore, ti rovinano l'esistenza. Per non parlare delle paranoie che ti fanno venire.
Oggi, annoiata e non avendo nulla da fare ho deciso di vedere uno di quei film per adolescenti che sono veramente da suicidio. Non è proprio il mio genere eh, ma ogni tanto mi viene lo schizzo di vederli.
Insomma tutte protagoniste in forma perfetta, bellissime, con vestiti perfettamente abbinati e mai spettinate. Per non parlare del protagonista maschile. Uno strafigo. Ecco queste sono le cose che ti fanno venire da piangere durante la settimana, maledetta, delle mestruazioni.
Ti accorgi di quanto sei infinitamente sola, che la gente se non la cerchi tu, possono passare anni luce prima che si faccia sentire. Che, per qualche ragione al mondo, non riesci a trovare una persona con cui stare bene. Intendo cose da poco eh. Ad esempio qualcuno con cui guardare i film sopracitati per poi alla fine guardarsi negli occhi e pensare "ecco sembriamo proprio noi!". O magari qualcuno di talmente intelligente, (le probabilità si abbassano sempre di più) che eviti di farti vedere questi film portandoti a cena da qualche parte. Magari anche solo al cinese. Mi manca qualcuno con cui fare quattro chiacchiere e non perdersi nelle solite domande stupide della serie: "come stai?", "cos'hai fatto in questi giorni?"e l'immancabile tormentone tra "noi" giovani: "e la scuola come va?". E' un po' tutto una merda.
Sembra di vedere sempre lo stesso film. Tutto così ripetitivo.
Mi sento così fuori luogo in realtà. Vedo certi amici.. direi più conoscenti, insomma certe coppie così carine. Si divertono molto. Ridono e scherzano, si insultano e fanno pace. Possono stare giornate intere a parlare e non si stancherebbero mai.
Mia madre e mia sorella hanno cercato di darmi lezioni d'amore. Come se fossero due esperte, eh. La prima si ritrova con un marito assente che non sa occuparsi delle sue figlie, la seconda perennemente ad inseguire una vecchia storia che non ha nessun futuro.
Eh sì. Mi dicono che io ho i complessi che mi vedo brutta e grassa, che faccio il brutto anatroccolo e tutto questo inconsciamente lo trasmetto agli altri che evidentemente così non mi vogliono. Che non mi metto nelle "posizioni giuste" e che non cammino seguendo il dettame "spalle indietro, petto in fuori" e io in tutto questo penso: ma che cazzo pensate?
Forse non sarò una persona interessante al massimo ma mi ritengo per lo meno intelligente e divertente.
Non sono una bellezza eccezionale ma mica solo chi è bello superficialmente trova qualcuno con cui condividere un pezzettino di vita!
Penso un po' di essere sfigata. Non UNA sfigata, ma sfigata nel senso di sfortunata.
Ho letto da qualche parte che questa è tutta una cazzata è che in realtà se pensiamo di essere sfortunati allora lo diventiamo. Mah.
Mi sembra solo di essere tanto stanca e in procinto di piangere ogni 5 minuti, e dio solo sa quando mi passeranno questi continui sbalzi d'umore. Maledetti ormoni.
Penso di aver detto tutto, anche se sono ancora incazzata con il mondo e con me stessa, ma non c'è molto che io possa fare.
A presto (?)
Anzi, al prossimo sfogo.
Krish

Nessun commento:

Posta un commento